DOVE

Kirchplatz 10
39020 Parcines (BZ)


ORARI DI APERTURA

25. Maggio – 31. Ottobre 2022
Lu 14.00 – 18.00
Ma – Ve 10.00 – 12.00 / 14.00 – 18.00
Sa 10.00 – 12.00

Novembre – Marzo
Ma 10.00 – 12.00

INDIRIZZO E-MAIL

info@schreibmaschinenmuseum.com

SITO WEB

www.schreibmaschinenmuseum.com

ACCESSIBILITÀ

Descrizione accessibilità


1 inventore, 1 ricercatore, 1 collezionista, 2000 macchine da scrivere: sono questi gli ingredienti del museo delle macchine da scrivere, che grazie alla donazione di Kurt Ryba e all’impegno di Ewald Lassnig, allora assessore alla cultura, poteva essere inaugurato nel 1993. Il museo ospita una delle più grandi collezioni di macchine da scrivere storiche, offrendo un'ampio sguardo sul loro sviluppo.

Sentite l'esperienza di oltre 150 anni di storia sociale e della tecnica, a partire dall’invenzione di Peter Mitterhofer nel lontano 1864 fino ad arrivare all’epoca digitale dei giorni nostri. Immergetevi nell'eccitante storia dell'Enigma, venite a conoscere l'origine del mestiere della segretaria e scoprite da dove arriva il simbolo @.

Visita il museo con un tour virtuale

Film accessibile in realtà virtuale

Oltre alla guida museale veramente inclusiva per tutti, indipendente L. ha commissionato un film immersivo in 3D sui prototipi di macchine da scrivere di Peter Mitterhofer come produzione internazionale congiunta con il Museo delle macchine da scrivere Peter Mitterhofer di Parcines, il Museo Palais Mamming di Merano, le Collezioni tecniche di Dresda e in collaborazione con il Museo tecnico di Vienna, che è stato anche reso accessibile:

- trilingue (tedesco, italiano e inglese),
- con sottotitoli,
- con video di traduzione nelle due lingue dei segni ÖGS e LIS (tedesco e italiano, perché anche queste lingue sono diverse);

Visita il museo delle Macchine da scrivere a Parcines e guarda il film con gli occhiali 3D! Qui puoi vedere il

TRAILER

Scopri alcuni oggetti del museo in Augmented Reality

VALENTINE 1969

AR - VALENTINE 1969È sicuramente la macchina per scrivere portatile Olivetti più famosa, merito del lavoro dei designer Ettore Sottsass e Perry A. King e dell’ottima campagna pubblicitaria che contribuì al successo mondiale del modello.
Insieme ad altri modelli Olivetti, per via delle forme e colori rivoluzionari, è presente nella collezione del Museum of Modern Art (MOMA) di New York come esempio di design italiano.
La Valentine venne prodotta con piccole differenze meccaniche ed estetiche dal 1969 al 2000 negli stabilimenti italiani, spagnoli e messicani dell’Olivetti.

MALLING HANSEN 1867

AR - MALLING HANSEN 1867Il pastore Hans Rasmus Malling Johan Hansen era direttore del istituto reale per non udenti a Copenhagen. In questa funzione si occupó della costruzione di una macchina che poteva dare ai non udenti la possibilitá di comunicare per iscritto altrettanto veloce come con il linguaggio dei gesti. Dopo due anni di sviluppo inventó una macchina da scrivere, che aveva montata i tipi ed i tasti su una semisfera in ottone. Da questo primo tentativo Hansen sviluppó alla fine del 1867 la famosa sfera scrivente. Era la prima macchina da scrivere fabbricata in stile industriale, anche se in un numero limitato. Venne venduta in Danimarca, Germania, Austria e Francia. La sfera scrivente di Malling Hansen subí dei miglioramenti significativi nel periodo della sua produzione, ma non riuscí ad imporsi all‘ avanzata delle macchine da scrivere moderne americane che cominciavano a conquistare il mercato mondiale.
Il tempo non era ancora maturo per una invenzione di questa importanza. Anche il prezzo, allora molto alto di 400 scudini impediva una distribuzione piú significativa sui mercati Europei.

Logo Stiftung Fondazione Sparkasse

Intervento pilota in Alto Adige cofinanziato
dalla Stiftung Fondazione Sparkasse

Logo Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige

Sostegno finanziario al progetto di film inclusivo da parte
della Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige,
Dipartimento della Cultura Tedesca

Realizzazione del filmato in 3D ad alta risoluzione sui prototipi di macchine da scrivere sviluppati da Peter Mitterhofer in tedesco, italiano e inglese come esperienza immersiva per i visitatori in realtà virtuale con versioni inclusive per tutti nella lingua dei segni e sottotitoli in collaborazione con i nostri partner di progetto:

Logo Museo delle macchine da scrivere P. Mitterhofer
Logo Palais Mamming Museum
Logo Technische Sammlungen Dresden